DPCM 3 NOVEMBRE 2020

Le norme entreranno in vigore dal 6 novembre 2020 fino al 3 dicembre 2020

Entreranno in vigore venerdì 6 novembre le nuove norme per il contrasto al diffondersi del Covid-19, così come stabilito nel DPCM del 3 novembre 2020 (testo) 
Viene previsto un regime differenziato tra Regioni, ad ognuna delle quali è stata assegnata una delle tre fasce differenziate per il pericolo del contagio, in base a 21 parametri elencati nel provvedimento.

La Toscana è stata classificata in fascia GIALLA, con moderata criticità per la trasmissibilità del virus.
Le principali disposizioni che valgono su tutto il territorio nazionale.

Principali contenuti:
Vietato circolare dalle ore 22 alle ore 5: è tuttavia raccomandato limitare gli spostamenti anche durante il giorno.

Commercio
Chiusura nelle giornate festive e prefestive di medie e grandi strutture di vendita, ad eccezione delle farmacie, dei punti vendita di generi alimentari, delle tabaccherie e delle edicole.

Cultura
Sono chiusi i musei, le mostre, le biblioteche.

Scuola
didattica a distanza al 100% per le scuole superiori: per le scuole elementari e medie e per i servizi all’infanzia attività in presenza ma con uso obbligatorio delle mascherine (salvo che per i bimbi al di sotto dei 6 anni).
Attività didattica dell’Università è a distanza salvo per le matricole e le attività di laboratorio.

Concorsi
Viene decretata la sospensione dello svolgimento dei concorsi, tranne quelli che si svolgono per via telematica e su base curriculare.

Trasporto pubblico
consentito il riempimento fino al 50% fatta eccezione per il trasporto scolastico.

Chiuse le sale slot e le sale bingo. Vengono chiusi i “corner scommesse e giochi” nei bar e nelle tabaccherie. Restano aperti  parrucchieri e centri estetici.

Attività: i bar e i ristoranti sono aperti fino alle 18. L’asporto è consentito fino alle 22. Nessuna restrizione per la consegna a domicilio.

Restano chiuse, le piscine e le palestre. Sono aperti i centri sportivi.

Torna l’autocertificazione per gli spostamenti. Il modulo è quello emesso dal Ministero dell’Interno a ottobre (al momento non c’è un modello nuovo) e dovrà essere consegnato al momento di un eventuale controllo.
L’autocertificazione servirà nella zona gialla, arancione e rossa per spostarsi dopo il coprifuoco che scatterà in tutta Italia dalle ore 22 fino alle ore 5.00 a partire dal 6 novembre. Il modulo servirà inoltre per entrare e uscire nelle regioni in zona rossa per “comprovate esigenze lavorative”, per “motivi di salute” e per “altri motivi ammessi dalle vigenti normative

Link per scaricare il DPCM

Link per scaricare il modello di autocertificazione

SINTESI DPCM del 25/10/2020

Sintesi delle disposizioni contenute nel nuovo  DPCM, che si applicheranno dalla data del 26 ottobre 2020 e saranno efficaci fino al 24 novembre 2020

È fortemente raccomandato a tutte le persone fisiche di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi.

È fatto obbligo nei locali pubblici e aperti al pubblico, nonché in tutti gli esercizi commerciali di esporre all’ingresso del locale un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale medesimo;

Sono sospese le attività dei parchi tematici e di divertimento;

Sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive degli sport individuali e di squadra, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato;

Restano consentiti soltanto gli eventi e le competizioni sportive, riconosciuti di interesse nazionale dal CONI, nei settori professionistici e dilettantistici;

Sono sospese le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, nonché centri culturali, centri sociali e centri ricreativi;

Le attività sportiva di base e l’attività motoria in genere svolte presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, sono consentite nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento;

Sono sospese le attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo e casinò;

Sono sospesi gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all’aperto;R

estano comunque sospese le attività che abbiano luogo in sale da ballo e discoteche e locali assimilati, all’aperto o al chiuso;

Sono vietate le feste nei luoghi al chiuso e all’aperto, ivi comprese quelle conseguenti alle cerimonie civili e religiose;

Con riguardo alle abitazioni private, è fortemente raccomandato di non ricevere persone diverse dai conviventi, salvo che per comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza;

Sono sospesi i convegni, i congressi e gli altri eventi, ad eccezione di quelli che si svolgono con modalità a distanza;

Le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado adottano forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica incrementando il ricorso alla didattica digitale integrata, per una quota pari al 75% delle attività , modulando ulteriormente la gestione degli orari di ingresso e di uscita degli alunni, anche attraverso l’eventuale utilizzo di turni pomeridiani e disponendo che l’ingresso non avvenga in ogni caso prima delle ore 9:00;

Le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite dalle ore 5:00 fino alle 18:00;

Il consumo al tavolo è consentito per un massimo di quattro persone per tavolo, salvo che siano tutti conviventi;

Dopo le ore 18:00 è vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico;

Resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio, nonché fino alle ore 24:00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze;

Le pubbliche amministrazione dispongono una differenziazione dell’orario di ingresso del personale. È raccomandata la differenziazione dell’orario di ingresso del personale anche da parte dei datori di lavoro privati;

E’ fortemente raccomandato l’utilizzo della modalità di lavoro agile da parte dei datori di lavoro privati.

1 2 3 4 5 16