Avviso pubblico di avvio del procedimento per l’apposizione del vincolo preordinato all’esproprio. Art. 11 D.P.R. 327/2001.

Lavori per il miglioramento e sviluppo infrastrutture in parallelo con lo sviluppo e l’adeguamento dell’Agricoltura e della selvicoltura-Viabilità Forestale Vagli Sotto- Careggine – PSR Toscana 2007/2013 Misura 125/A-

Ai sensi dell’art. 11 D.P.R. 08 Giugno 2001 n° 327 “Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di espropriazione per pubblica utilità” e dell’art. 7, L. 7Agosto 1990 n° 241 “ nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi” e s.m.i., si avvisa che viene dato avvio al procedimento di opposizione del vincolo preordinato all’esproprio. Per l’esecuzione dei lavori in oggetto, degli immobili di cui al seguente allegato

http://comune.vagli-sotto.lu.it/wp-content/uploads/2020/02/Avviso_Esproprio.pdf

Ai sensi dell’art. 8, L. 241/1990 si forniscono le seguenti precisazioni:

-Amministrazione ed ufficio competenti per il procedimento Amministrativo: Comune di Vagli Sotto

-Oggetto del procedimento: opposizione del vincolo preordinato all’esproprio per l’esecuzione dei lavori in oggetto

-Termine di conclusione del procedimento: 30 giorni dalla pubblicazione del presente avviso;

-Responsabile del procedimento: Puglia Mario 

-Ufficio presso il quale si può prendere visione degli atti: Ufficio Tecnico presso sede comunale

Gli interessati possono formulare osservazioni, che saranno valutate dall’autorità espropriante, entro trenta giorni dalla pubblicazione del presente avviso;

Il presente avviso sostituisce a tutti gli effetti la comunicazione personale agli interessati in quanto è stato accertato che il numero dei soggetti interessati del procedimento espropriativo è superiore a cinquanta ed è affisso all’albo pretorio del comune e pubblicato sul sito del Comune di Vagli Sotto ai sensi dell’art. 11 comma 2 del D.P.R. 327/2001

Il Responsabile del Procedimento

Puglia Mario

Aggiornamento dei moduli unici regionali in materia di attività edilizia

A seguito del Decreto Dirigenziale n.999 del 27/01/2020, con cui il settore Affari Istituzionali e delle autonomie locali della Regione Toscana, a seguito dell’entrata in vigore della L.R. 69/2019 di modifica alla L.R. 65/2014, in materia di governo del Territorio, ha provveduto ad aggiornare i moduli di:

Richiesta di Permesso di Costruire e relazione di asseverazione al P.D.C.

S.C.I.A. edilizia e relazione di asseverazione alla S.C.I.A.

Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata (C.I.L.A.)

Per la consultazione e/o il download della suddetta modulistica aggiornata si rinvia al link diretto alla pagina “Modulistica unica regionale per le attività produttive e l’edilizia” qui sotto riportato:

https://www.regione.toscana.it/-/modulistica-unica-regionale-per-le-attivita-produttive-e-l-attivita-edilizia

REFERENDUM COSTITUZIONALE IN MATERIA DI RIDUZIONE DEL NUMERO DEI PARLAMENTARI DEL 29/03/2020 – OPZIONE ELETTORI RESIDENTI ALL’ESTERO

Gli elettori italiani residenti all’estero, i cui nominativi vengono inseriti d’ufficio nell’elenco degli elettori residenti all’estero, potranno votare per corrispondenza o comunque in Italia,  inviando esplicita richiesta  (vedi modulo pubblicato al link sottostante) all’Ufficio consolare operante nella circoscrizione di residenza.

SCADENZA PRESENTAZIONE DOMANDA:  08/02/2020

 OPZIONE RESIDENTI ESTERO PDF 

      OPZIONE ELETTORI ESTERO EDITABILE

INFORMAZIONI GENERALI 

Si svolgerà il 29 marzo, dalle 7 alle 23, il referendum sulla riforma costituzionale per il taglio dei parlamentari. L’8 ottobre scorso la Camera approvava la legge di revisione costituzionale che prevede la riduzione del numero di deputati (-230) e senatori (-115). Il 10 gennaio, 71 senatori di vari gruppi parlamentari depositavano la richiesta di consultazione popolare, che ha trovato il via libera della Consulta la scorsa settimana. In base all’articolo 138 della Costituzione, infatti, un quinto dei membri di una delle due camere, al pari di 500mila elettori o cinque Consigli regionali, può richiedere di sottoporre le leggi di revisione costituzionale o le leggi costituzionali a referendum entro tre mesi dalla pubblicazione delle stesse se queste, nella seconda votazione (richiesta per le leggi costituzionali) non vengono approvate da ciascuna Camera a maggioranza di 2/3 dei suoi componenti. Con la legge di revisione costituzionale approvata lo scorso autunno, si modificano gli articoli 56, 57 e 59 della Costituzioni, ovvero quelli che indicano il numero dei parlamentari. La riforma costituzionale sul taglio dei parlamentari riduce i deputati da 630 a 400 e i senatori da 315 a 200. L’istituto dei senatori a vita è conservato fissandone a 5 il numero massimo (finora 5 era il numero massimo che ciascun presidente poteva nominare). Ridotti anche gli eletti all’estero: i deputati scendono da 12 a 8, i senatori da 6 a 4.

Il quesito referendario reciterà«Approvate il testo della legge costituzionale concernente “Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari”, approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana – Serie generale – n. 240 del 12 ottobre 2019», e l’elettore dovrà apporre una X sul Si o sul NO.

A differenza dei referendum abrogativi, disciplinati dall’articolo 75 della Costituzione, i referendum costituzionali non prevedono alcun quorum. La legge sarà dunque promulgata se verrà approvata dalla maggioranza dei voti validi, a prescindere del numero di votanti. Le operazioni di scrutinio avranno inizio subito dopo la chiusura della votazione e l’accertamento del numero dei votanti.  L’ elettore, per votare, deve esibire al presidente di seggio la tessera elettorale personale (o un attestato sostitutivo) e un documento di riconoscimento.